Forestali senza stipendio, scoppia la protesta a Palermo e Catania

QUADRO NEWS.pngDue sit in si stanno svolgendo a Catania (davanti la sede della presidenza della regione) e Palermo (davanti l’assessorato regionale al Bilancio) da parte di forestali stagionali che protestano per il mancato pagamento delle spettanze di giugno e luglio. Alla due manifestazioni  prendono parte gli operai di tutte le province. Alla protesta hanno perso parte, tra gli altri, il segretario regionale della Uila Gaetano Pensabene e il segretario provinciale di Flai-Cgil Alfio Mannino. «Noi avevamo avuto garanzie – ha detto Pensabene – che le somme assegnate per i pagamenti, circa 33 milioni, sarebbero state immediatamente erogate e abbiamo saputo che al dipartimento avevano sia la disponibilità finanziaria e sia che gli ordini di accreditamento erano già pronti.

Poi non sappiamo cosa sia successo se non che l’assessore al bilancio e la giunta di governo hanno bloccato i pagamenti per problemi che riguardano il patto di stabilità». «Quello che è successo – ha aggiunto – è incredibile. In una regione in cui si sa che gli operai devono essere pagati, che in questa terra hanno il dovere di morire, hanno contemporaneamente disconosciuti i loro diritti». «Noi, per senso di responsabililità, dopo aver fatto diverse sollecitazioni – ha proseguito Pensabene – ci siamo limitati ad una manifestazione. È chiaro che la lotta continuerà e se non arriveranno le risposte che aspettiamo incalzeremo con maggiore forza ed insistenza». (GDS)

Lascia un Commento