Rischio black-out nelle isole di Favignana, Pantelleria e Ustica

QUADRO NEWS.pngRischio black-out nelle isole siciliane di Pantelleria, Favignana e Ustica.  L’allarme è stato lanciato dai sindaci (per Pantelleria il commissario) giorno 3 agosto a Palermo che hanno organizzato una conferenza stampa dopo lo stop della Regione ai finanziamenti per le corse RoRo su tre tratte Palermo-Ustica, Trapani-Pantelleria e Trapani-Favignana dedicate principalmente al trasporto di merci come rifiuti (urbani e pericolosi), carburanti, bombole del gas e materiale sanitario. Presente anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e il vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero.

«Siamo sotto assedio – ha detto il sindaco di Ustica, Aldo Messina – perchè manca l’acqua, la luce, il carburante. Le pompe di benzina sono già a secco e i turisti ci chiedono se possono venire con le loro barche». Danni a catena anche in termini di salute: «Se non c’è gasolio – rincara Messina – non ci sono ambulanze, non ci sono le bombole di ossigeno e i sistemi di sicurezza». «In questi giorni stiamo riuscendo a tamponare l’emergenza. Le isole resistono – ha sottolineato il sindaco di Favignana, Lucio Antinoro – ma il carburante già sta scarseggiando e alla notizia dello stop delle corse RoRo ci sono state scene da day after. Bisogna fare presto e mettere i mezzi in acqua stasera. La prospettiva è uno spopolamento delle isole con la conseguenza consegna alla malavita e alla mafia». «Non siamo cittadini di serie B», ha detto il commissario di Pantelleria Giuseppe Piazza sottolineando che sull’isola già si registra il 30% in meno di turisti.

Per quanto riguarda i rifiuti urbani se ne occuperà la nuova Siremar-Compagnia delle Isole, attiva dal 1 agosto. Per il resto servono corse straordinarie. Ma il problema è trovare chi paga i costi aggiuntivi. Domani previsto un vertice con il sottosegretario alla Salute, Adelfio Elio Cardinale.

Rischio black-out nelle isole di Favignana, Pantelleria e Usticaultima modifica: 2012-08-05T16:52:46+02:00da football12
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento