Palermo, manometteva colonnina erogazione carburante: scoperto e denunciato da Gdf

QUADRO NEWS.pngI militari del Gruppo della Guardia di Finanza Palermo, in esecuzione di un piano straordinario di controlli nei confronti dei distributori stradali della citta’, hanno scoperto che quattro esercenti sugli 11 controllati non rispettavano la normativa che garantisce, a tutela dei consumatori, la perfetta corrispondenza della quantita’ del carburante erogato rispetto a quello acquistato. Nel piu’ grave dei casi scoperti il gestore, e’ stato anche denunciato a piede libero, perche’ al fine di aggirare il sistema di controlli, aveva modificato le colonnine di erogazione in modo da poter rimuovere il vetrino che protegge da manomissioni il contatore del totale dei litri di carburante erogato, azzerandolo cosi’ come si fa per i contachilometri delle automobili.

Cosi’ facendo era libero di decidere “a tavolino” la quantita’ di carburante che risultava aver venduto e, quindi, gli introiti da dichiarare al fisco, evadendo le imposte sui carburanti e riuscendo a vendere anche prodotto acquistato in nero e quindi di qualita’ non sicura: per lui l’accusa e’ di aver volontariamente alterato i congegni metrici e di frode in commercio.

Immediato il sequestro dell’impianto con tutto il carburante ancora giacente nelle cisterne, pari a 17mila litri per un valore complessivo pari a oltre mezzo milione di Euro. Gli altri tre impianti della citta’, invece, sono stati sequestrati perche’ non rispettavano i requisiti previsti dalla legge in tema di strumenti metrici: in particolare, le infrazioni riguardavano le verifiche periodiche del corretto funzionamento degli erogatori, motivo per cui, al fine di garantire gli automobilisti, gli impianti sono stati chiusi con l’obbligo di provvedere alla verifica delle colonnine. I militari hanno inoltre proceduto al prelievo di complessivi 21 campioni di prodotti petroliferi, nei distributori controllati al fine sottoporli ad analisi, cosi’ da verificare, al termine degli accertamenti, che i carburanti venduti rispettino gli standard qualitativi imposti dalla normativa di settore a tutela dell’ambiente. Anche dal punto di vista fiscale gli esercenti controllati non risultavano in regola, e quindi sono stati sanzionati per la non corretta tenuta dei registri obbligatori da cui si evincono gli introiti degli impianti.

Palermo, manometteva colonnina erogazione carburante: scoperto e denunciato da Gdfultima modifica: 2012-08-17T15:18:00+02:00da football12
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento