Squadra Antimafia 4, stasera ultima puntata col fiato sospeso

QUADRO NEWS.pngUltima puntata, questa sera in prima serata su Canale 5, per “Squadra antimafia – Palermo oggi” che, giunta alla quarta stagione, ha fatto centro nuovamente nel cuore dei telespettatori. Un finale col fiato sospeso e ricco di colpi di scena dove molti nodi arriveranno al pettine: in particolare Rosy (Giulia Michelini) si salverà o si sacrificherà per salvare Domenico Calcaterra (Marco Bocci)?

Dopo aver affrontato la sua acerrima nemica per scoprire qual è la minaccia che grava sulla vita del vice questore Calcaterra, Rosy Abate deve continuare a lottare contro il tempo e contro la volontà del magistrato Antonucci, per riuscire nella difficile impresa di salvarlo. Si salverà Calcaterra? E se sì, lo aiuterà proprio Rosy o… qualcun’altro?

Una serie che è riuscita a legare il pubblico a suon di colpi di scena e di un intreccio che ha creato personaggi forti. Una stagione importante, con la crescita del ruolo di Marco Bocci e la scomparsa (definitiva?) di Claudia Mares (Simona Cavallari), uccisa in un attentato (ma sarà davvero così?).

Merito anche della grande intesa dei protagonisti sul set, un’intesa che ha portato persino al nascere di gossip su un amore tra i due anche fuori dalla finzione scenica. Voci puntualmente smentite dallo stesso Bocci nel corso di un’intervista radiofonica. “No, lo dicono tutti, siamo solo molto, molto amici – ha detto -. Lei ha detto che è gelosa di me? Lo so, l’ho sentito, ma non siamo fidanzati, non sono né fidanzato né fidanzatissimo”.

Il successo di questa quarta stagione della serie, costantemente programma più visto con uno share regolarmente attorno al 18/20%, ha fatto sì che in cantiere ci sia già la quinta. Ritroveremo Giuliana Michelini? E Simona Cavallari farà un ritorno a sorpresa? E queste e ad altre domande, le prime risposte arriveranno dall’epilogo di questa sera. (TGCOM)

Squadra Antimafia 4, stasera ultima puntata col fiato sospesoultima modifica: 2012-11-19T16:40:46+01:00da football12
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento