Studente siciliano crea app YouTube da un milione di download. Vince 100.000 dollari

QUADRO NEWS.pngAndrea Giarrizzo è di Enna, studia informatica all’Università di Catania e di anni non ne ha neanche 20 (li compirà il prossimo dicembre). Eppure è sua l’impresa (già riportata dall’Ansa e altre testate nazionali) di essere riuscito a creare una delle app più scaricate al mondo per piattaforme con sistema operativo Android. La sua creatura si chiama “You Tube Downloader”, e come suggerisce il nome è un’app gratuita per scaricare video da Youtube sulla scheda SD dei dispositivi mobili Android (smartphone e tablet). Un’idea semplice quanto fulminante: “You Tube Downloader” è già stato scaricato da un milione di utenti, e ha raggiunto la prima posizione in classifica dell’Android Market in Italia, India e Stati Uniti.

Un’app redditizia – L’app della Sisilsoft (questo il nome della startup di Giarrizzo) si era già aggiudicata un premio da 100mila dollari, messo in palio dalla Samsung per il concorso “SmartApp Challenge”. Viene da chiedersi: fama e premi a parte, Giarrizzo guadagna qualcosa con questo prodotto eminentemente gratuito? Lui ha assicurato di sì: ben 240 dollari al giorno grazie ai banner pubblicitari inseriti nell’app. “L’anno scorso ho iniziato per gioco – ha dichiarato il giovane talento siciliano –, stimolato dai mie professori di informatica, a programmare applicazioni per dispositivi Android inserendole nel Play Store e nel Samsung Apps. Da lì ho capito che questa è la mia strada“. Chissà che il “sistema Italia”, così bravo a far fuggire i cervelli all’estero, riesca a far scappare anche questo giovane talento dell’informatica. C’è davvero da augurarsi di no: in gioco non c’è solo la fiducia delle nuove generazioni ma anche una concreta possibilità di rilancio dell’economia del paese, che proprio dalle giovani mente deve trovare nuovo slancio e linfa vitale.

Studente siciliano crea app YouTube da un milione di download. Vince 100.000 dollariultima modifica: 2012-11-21T15:02:22+01:00da football12
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento